documenti
Sentenza della Cassazione: la dotazione organica per l’insegnamento della religione non è oggetto di “intesa”

Sentenza della Cassazione: la dotazione organica per l’insegnamento della religione non è oggetto di “intesa”

 

 
Al termine del primo concorso per gli insegnanti di religione, nel 2004, compilata la graduatoria di merito, l’Amministrazione scolastica regionale, dopo la ripartizione operata dal Miur, definì il numero delle cattedre costituenti l’organico, pari al 70% di quelle complessivamente funzionanti sul territorio di ciascuna diocesi.
Alla diocesi di Mazzara del Vallo furono assegnate in organico, per le scuole dell’infanzia e primaria, 21 posti di insegnamento di religione, ma l'Ufficio Scolastico regionale per la Sicilia ne ricoprì solo 11, adducendo il motivo che su tale questione sarebbe mancata l'intesa con la diocesi.
Premessa tale situazione di fatto, un’insegnante che aveva superato il relativo concorso e in posizione utile nell’ambito delle ventuno cattedre in organico si è vista negare l’immissione in ruolo, avendo l’Amministrazione scolastica convocato e immesso in ruolo solo 11 insegnanti.
L’insegnante interessata ha prodotto, a suo tempo, ricorso e, in secondo grado, la Corte di appello di Palermo le aveva dato ragione.
Il Miur, impugnando la sentenza della Corte d’Appello di Palermo, ha presentato ricorso presso la Corte di Cassazione che si è pronunciata con sentenza n. 343 del 10 gennaio 2018, stabilendo il diritto della ricorrente all’assunzione in ruolo, considerato che si trovava in posizione utile (21 cattedre disponibili) e che il numero di posti in organico non è oggetto di intesa tra Ufficio Scolastico regionale e Diocesi (e quindi non era legittimo ridurre da 21 a 11 le cattedre da assegnare a ruolo). Infine, La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dalla Diocesi di Mazara del Vallo, condannando il Miur e la Diocesi in solido tra loro al pagamento delle spese del giudizio e alle spese generali.
 
 
 
 Snadir - Professione i.r. - 14 gennaio 2018, h.19,00
;